gianpiero samorì macron presidente della repubblica francese

L’elezione a Presidente della Repubblica Francese del Dott. Macron insegna alcune cose:

  • La prima è che l’elettorato di qualsiasi nazione ritiene superata la precedente fase politica e le persone che l’hanno rappresentata, non perché siano stati indegni del ruolo, ma in quanto è chiaro a tutti che siamo entrati in una fase storica ed economica diversa che va approcciata con idee nuove e persone nuove.
  • I popoli di ogni stato hanno bisogno e voglia di leaders propositivi, che offrano prospettive di soluzione ai problemi attuali e che non si limitino ad essere sempre contro ed a trincerarsi su ogni tema dietro il vezzo del benaltrismo.
    Chi parla solo in negativo intercetta la rabbia, l’antisistema, la preoccupazione, ma tende a distaccarsi dal ceto medio produttivo che è l’ asse portante delle società a capitalismo avanzato.
  • La selezione della classe dirigente non può più essere demandata a ristrette élite politiche, ma ha bisogno di processi di selezione democratica che possono variare dalle primarie, dalle preferenze, dai collegi uninominali o da altro ancora, ma che non possono prescindere da un modello di selezione aperta.

Gianpiero Samorì

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>